martedì 29 novembre 2011

Differenze culturali

In questo momento (e per tutta la settimana) sono al lavoro in una università spagnola. Mi sono messo a lavorare col mio laptop nella biblioteca del dipartimento. La biblioteca è aperta, chiunque può entrare, collegare il proprio laptop alle prese della corrente e mettersi a lavorare, e magari consultare uno dei libri che sono sugli scaffali. Ora è pausa pranzo e quindi sono tutti a pranzo. Nella biblioteca ci sono solo io.

Chiara la situazione?

Riassumiamola: biblioteca aperta, accesso facile e non controllato, pausa pranzo, biblioteca deserta.

Bene.

Qui la gente che va in pausa pranzo lascia tranquillamente il laptop sul tavolo. Uno ha lasciato addirittura laptop e iphone. A quanto pare qui è normale. Fanno tutti così. Mi hanno anche preso in giro perché quando sono andato a pranzo io me lo son portato dietro, il laptop...

Domanda: se Mario Rossi lasciasse il laptop sul tavolo della biblioteca X in Italia e si assentasse per un periodo di tempo superiore ai 15 minuti, in una fascia oraria in cui la biblioteca è deserta, quanti laptop troverebbe al suo ritorno?

Attendo lumi.

3 commenti:

  1. Mah ti dirò, anche se lo lascia due minuti per andare al cesso con la biblioteca piena....

    RispondiElimina
  2. ciao Manoel. premetto che il tuo interessantissimo blog mi è mancato moltissimo. qui a Vienna, stessa cosa. nella biblioteca centrale, tutti vanno e vengono felici lasciando computer e tèblet sui tavoli. qualche settimana fa io, che sono cresciuta a Milano e mi comporto sempre come se stessero per scipparmi (parola di Compagno Asburgico), in palestra ho avuto la geniale idea di *dimenticare fuori dall'armadietto* la mia borsa, nello spogliatoio. con dentro il portafoglio, solo con soldi e abbonamento del bus, però checcavolo, i soldi erano 40€ circa, no? sono tornata ed era lì. intatto. io ho gioito, mi sono insultata, e poi ho pensato: che gentili, sti 'striaci e gli immigrati viennesi (nella mia palestra ce n'è una marea.) yuppi, no?

    RispondiElimina
  3. gran posto, l'austria.... gran posto...

    RispondiElimina