sabato 28 gennaio 2012

Torni a bordo, cazzo!

Fulvio Abbate è decisamente il mio intellettuale di riferimento, e il suo annuncio della chiusura dell'emittente "monolocale" Teledurruti mi ha rovinato la settimana.

Fulvio Abbate è uno scrittore siciliano che vive a Roma. Devo ammettere con somma vergogna che, nonostante sia oggettivamente il mio referente culturale assoluto, non ho mai letto nessuno dei suoi libri. Le ultime volte che sono andato in Italia ho girato un po' di librerie e nessuna aveva niente di Fulvio Abbate, ma tutte le libraie (che per qualche motivo erano sempre donne) mi dicevano "ah si! certo!" e poi mi davano un libro di un certo Abate (con una b sola) che io respingevo con disdegno.

Fuvio Abbate è il mio intellettuale di riferimento perché è l'ideatore, autore, conduttore e pressoché unico interprete/regista/attore dell'emittente Teledurruti - Una televisione monolocale.

Teledurruti funziona così: ogni giorno Fulvio Abbate fa qualche video della durata di qualche minuto dove c'è lui in primo piano, con sempre le stesse due pareti di sfondo, con due quadri di non ricordo più chi, che dice tutto quello che gli passa per la testa a proposito di argomenti assolutamente incongrui e improbabili che spaziano dalla politica interna al sesso anale.

Sono oramai leggendarie le sue idiosincrasie contro: Concita De Gregorio, Walter Veltroni, Vinicio Capossela (per il quale, secondo Abbate, il fatto di essere pure bravo è un'aggravante) e altri, verso i quali scarica minuti di astio e livore che non lasciano speranza. O le sue (clamorosamente finte) origini aristocratiche (il Marchese Fulvio Abbate)...

Talvolta compariva nei suoi video la (compianta, davvero) Gemma Politi, sua madre, con la quale inscenava siparietti strepitosi specialmente incentrati sulla politica (inquadratura in primo piano della novantenne Gemma Politi, Fulvio Abbate fuori campo che dice: "Mamma, hai 3 minuti per parlare male del PD!"), altre volte la figlia Carla, che chi segue Teledurruti ha visto praticamente crescere su youtube...

Il video in cui Fulvio Abbate annuncia la chiusura di Teledurruti non è il primo di questo genere. Già in passato, periodicamente, in alcuni video l'Abbate si diceva tentato di interrompere tutto quanto, poi però non era mai successo nulla. Ora invece da qualche giorno nessun video... Il che ha fatto piovere i commenti dei suoi assidui seguaci, la maggioranza dei quali del tipo: "Dai non fare il coglione ricomincia a fare video!". Il più bello di tutti, però, è il commento di un certo Emanuele che con un guizzo geniale gli grida: "Torni a bordo, cazzo!".

A un occhio poco attento, Fulvio Abbate potrebbe sembrare un grandissimo minchione, e probabilmente lo è. Ed è per questo, credo, che lo amiamo così tanto.

Spero davvero che Fulvio Abbate la smetta di coglioneggiare e si rimetta a fare video. Nel frattempo, aggiungo il link a Teledurruti qui di fianco.

Certo, ci resta pur sempre (Ah)iPiroso, la trasmissione (bellissima ma non saprei dirvi davvero di che diavolo parli) di La7 che ha come ospiti fissi Fulvio Abbate e Adriano Panatta ma, decisamente, non ci basta. Rivogliamo Teledurruti.

1 commento:

  1. Schifano. I quadri alle spalle di Fulvio Abbate sono di Schifano.

    RispondiElimina